Ci sono delle regole di base di cui tutti i ristoratori dovrebbero tener conto nella creazione del menu e della lista dei vini. Perché il menu dà informazioni non solo su offerte e prezzi – se personalizzato assicura buone entrate. La prima cosa dovrebbe essere il contenuto – quali piatti e bevande offro? In seguito è possibile avvicinarsi all'aspetto esterno – quale dimensione o font e quale tipo di carta e layout rappresentano meglio il locale? Paymash dà supporto con una lista di controllo contenente cinque consigli e suggerimenti sul menu perfetto. 

Cinque suggerimenti Menu Paymash 

Struttura dei contenuti del menu. I clienti si aspettano una presentazione a loro nota. La struttura dei contenuti dovrebbe essere divisa in antipasti, piatti principali e dessert, con una sezione per le bevande. Questo dà una struttura al cliente, che si orienta subito. Molto popolari sono le caselle colorate che evidenziano alcuni piatti, le "specialità della casa" o i "preferiti dei nostri clienti". Dal sistema POS di Paymash, che contabilizza rapidamente e facilmente nella ristorazione, si può ricavare una statistica dei piatti e delle bevande più ordinati. Con queste informazioni, si può sempre tenere aggiornato il menu. 

Meno è meglio. L'offerta del menu non può essere troppo vasta. Ogni tipo di piatto deve essere rappresentato con un'offerta sufficiente, ma non bisogna presentare troppe scelte al cliente. È così che il ristoratore ha libertà sulle specialità della casa. 

Presentazione dei piatti. Il menu è l'ispirazione per il cliente, la presentazione e la descrizione dei piatti dovrebbero rendere massimo l'appetito. I nomi appetitosi e creativi sono vincenti. Il confronto: "Salmone con patate e funghi" ha poco effetto. Al contrario, la descrizione "Trota salmonata fresca servita con purè di patate fatto in casa e gustoso ragù di funghi" risveglia l'appetito. Un altro bonus è il calcolo dei prezzi. Con nomi più appetitosi si possono richiedere anche prezzi più alti, perché il cliente mette il cibo in una categoria superiore.

Il presupposto essenziale è l'accuratezza. I clienti si aspettano massimo ordine e pulizia nella ristorazione. Questo vale anche per il menu, dove bisogna evitare gli errori di ortografia. È bene far leggere il menu del bar a più conoscenti possibili prima di mandarlo in stampa. 

È necessario un layout personalizzato. Il menu è il biglietto da visita di ogni bar o ristorante. Il menu riflette il carattere e la personalità. Ogni ristoratore dovrebbe perciò chiedersi: cosa rappresenta il mio locale? Il layout è autentico solo se è coerente con l'idea generale. A un bar arredato accuratamente con elementi decorativi fantasia si addice un layout giocoso. Da un ristorante moderno ci si aspetta invece un design pulito e moderno, che rappresenti lo stile dell'arredamento e degli ornamenti. Oltre al design individuale anche il carattere svolge un ruolo importante. Il carattere dovrebbe essere facile e chiaro da leggere. Con un buon contrasto con lo sfondo, si può migliorare ulteriormente la leggibilità.

 

In conclusione: con il menu si entra davvero in contatto con il cliente. Pertanto, il contenuto e il design devono essere progettati con cura. Un menu e una carta dei vini personalizzati promuovono le entrate. Con il sistema POS Paymash offre ai ristoratori un prezioso supporto, semplificando il processo di vendita. Tramite lo strumento di statistiche di vendita vengono analizzati i prodotti più ordinati. Questi si possono mettere in un posto speciale del menu o disporre in primo piano nelle specialità del giorno.